Category: Italy

Valentini: non per tutti… / Valentini winery: not for everyone…

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!
L’Italia è la terra dei grandi vini conosciuti in ogni angolo del mondo: Brunello di Montalcino, Chianti, Barolo, Barbaresco, Supertuscan rappresentano al meglio la qualità del “Made in Italy” e giustamente godono della gloria loro attribuita. Read More

Il mago del pesce / The fish wizard

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!

Se volete vivere una bellissima esperienza culinaria, non potete negarvi il piacere di una visita al “Ristorante Le Dune” a Mariano del Friuli, piccolo paese che si trova a circa 30 km da Udine e molto vicino alla famosa area vitivinicola del Collio.
Quando vogliamo mangiare del pesce freschissimo (specialmente crudo) nella nostra zona, questa è sicuramente la migliore soluzione; il titolare, lo Chef Gianni Carta, è originario della Sardegna e parte del pesce arriva direttamente dalla sua amata regione. Di solito suggerisce di iniziare con una interminabile fila di antipasti, potendo scegliere fra un percorso di crudi, di cotti (o entrambi!). Alla fine di questa lunghissima e deliziosa esperienza sensoriale, saresti già completamente soddisfatto. Ad ogni modo lo Chef Carta potrebbe suggerirti un assaggio dei suoi fantastici spaghetti con la bottarga o con i ricci di mare, tonno alla griglia o filetti di San Pietro cotti al forno. La carta dei vini è ugualmente importante, con molta scelta locale ma anche dalla Slovenia ed ovviamente dalla Sardegna. Nel dettaglio, ecco cosa abbiamo mangiato recentemente:
Zuppa di merluzzo
Crudo di scampi, gambero rosso dalla Sardegna e pesce occhialone
Carpaccio di centrofolo viola
Cicale di mare
Carpaccio di branzino
Granseola
Spiedini di scampi
Granchio reale alla catalana
Scampi gratinati
Spaghetti con ricci di mare e bottarga
Sorbetto al limone

Ovviamente le porzioni erano più piccole di un piatto ordinario, altrimenti sarebbe stato materialmente impossibile riuscire a finire il tutto!
Giusto per ricordarci che le suo origini sono sarde, lo Chef a centro tavola prepara una generosa cesta di “pane guttiau”, il rischio più grande di riempirsi la pancia ancora prima di iniziare!
Qui sotto l’indirizzo:
Ristorante Le Dune
Via Dante 41
34070 Mariano del Friuli

 Assolutamente consigliato!

ENGLISH VERSION

If you want to live a fantastic experience you can’t miss a visit at “Ristorante Le Dune” in Mariano del Friuli, 30 km far from Udine and very close to the famous Collio wine area. Read More

Orange Wine Festival 2018 Izola: ricordi di una bellissima ed interessante giornata- Memories of a beautiful and interesting day

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!

Da qualche anno l’Orange wine Festival ad Isola (Slovenia) è un’importante manifestazione primaverile che attira numerosissimi visitatori, dedicata agli amanti degli “orange wines” e non solo: ampia scelta di prodotti gastronomici, assaggi dedicati alle eccellenze del territorio come Read More

Dove è nato lo Slow Food / Where Slow Food was born

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!

Chiunque conosce il Barolo ed il Barbaresco dall’area delle Langhe in Piemonte, bellissima regione nel nord-ovest dell’Italia che offre spettacolari paesaggi e cittadine medioevali.
È assolutamente un luogo da inserire nell’agenda per i prossimi viaggi e ne abbiamo discusso ampiamente nel nostro ultimo articolo. Siamo stati a Cuneo lo scorso aprile per un viaggio di lavoro, occasione troppo ghiotta per dedicare una giorno alla visita dei luoghi principali, culla di grandi vini fra cui: Barolo, La Morra, Barbaresco, Bra, Alba…
Poiché abbiamo passato la notte a Cherasco, siamo stati a cena a Bra, solo a pochi km di distanza si trova la carina città di Bra ed uno dei più tipici ristoranti della zona e quartier generale di Slow Food: l’osteria del Boccondivino.
Oltrepassato un piccolo arco ci siamo introdotti in un giardino interno che suppongo d’estate sia ben sfruttato, ma essendoci un freddo cane, siamo subito entrati all’interno del ristorante che si trova al primo piano. Qui puoi gustare tutte le specialità della cucina territoriale, cotti con semplicità seguendo le ricette tradizionali: vitello tonnato, salsiccia di Bra, tajarin (la tipica pasta fatta con 40 tuorli) e condita con salsiccia di Bra o con burro e salvia, agnolotti del plin con burro e rosmarino, vitello brasato cotto con Barolo, “il conoglio “grigio di Carmagnola” cotto al vino Arneis e molti altri piatti interessanti. La lista dei vini è completa ed offre un’ampia gamma dei più tipici vini di questa zona: Nebbiolo, Barbera, Dolcetto, Roero e sicuramente un’ottima selezione di Barolo e Barbaresco. Dunque non possiamo che raccomandarvi questa osteria, andrete a degustare la tradizione ed i prezzi sono molto onesti. Un’ottima cena, ricordatevene se passate da quelle parti!

ENGLISH VERSION

Everybody knows Barolo and Barbaresco wines from Langhe area in Piemonte, a beautiful region in north-west of Italy which offers stunning landscapes and medieval cities.
It’s absolutely a place to put in your agenda for a future trip and we discussed about in our last post. We went in Cuneo last April for a business trip, but we dedicated one day for visiting the best places of South-Piemonte: Barolo, La Morra, Barbaresco, Bra, Alba…
Since we spent the night in Cherasco, we went for dinner in Bra, just few km from our hotel and a nice small city where is located one of the most typical restaurants in this area, also known to be the “headquarter” of Slow Food Organization: Osteria del Boccondivino.


We walked across the small arch and a beautiful backyard introduced us directly to the restaurant, that is located at the first floor, but in summertime the best option is to have a relaxing dinner outside.
In this restaurant you can taste all the best and typical dishes of this area, simply cooked following the traditional recipes: vitello tonnato, Bra’ sausage, tajarin pasta “40 yolks” with Bra’ sausage or butter and sage, agnolotti del plin with butter and rosemary, braised veal cooked with Barolo wine, “grigio di Carmagnola” rabbit cooked with Arneis wine and many other interesting dishes.

This slideshow requires JavaScript.

The wine list is complete and offers a wide range of the most typical wines from this area: Nebbiolo, Barbera, Dolcetto, Roero and of course a good selection of Barolo and Barbaresco.
At the end I would highly recommend this “Osteria”, you are going to taste the tradition and prices are really honest. It was a great dinner at all, keep in mind!

 

Cabernet Riserva 2009 Mumelter by Cantina di Bolzano

ENGLISH VERSION BELOW!

Cabernet Sauvignon
Al naso: frutti di bosco, lamponi, marmellata di frutti rossi, pelle, cioccolato, amarena, tabacco, frutta secca.
Di corpo pieno, tannini setosi e lungo finale.
Abbinamento: carne rossa alla griglia, formaggi stagionati.

ENGLISH VERSION

Cabernet Sauvignon
On the nose: berries, raspberries, red fruit jam, raspberry tart, leather, chocolate, sour cherry, tobacco, dried fruit.
Full body, silky tannins, and long finish.
Food pairing: grilled meat, aged cheese

 

Barolo and Barbaresco

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!

Oggi parleremo di uno dei più importanti vini che rappresentano l’eccellenza della produzione vinicola italiana nel mondo: il Barolo e la zona delle Langhe/Roero in Piemonte.
Langhe e Roero possono offrirti le emozioni di un viaggio alla scoperta della cultura e tradizione del vino, poiché qui significa vita, passione e storia di un territorio che vede nell’eccellenza dei suoi vini lo scopo stesso della propria esistenza.
Un viaggio per scoprire la personalità del Barolo, del Barbaresco ma anche ad esempio della Barbera, con molte cantine che possono guidarti alla scoperta dei vari crus, venderti vini e darti preziosi consigli per il proseguimento del viaggio.
Trekking, piste ciclabili, sentieri per oltre 100 km nel cuore dei vitigni; un’iniziativa molto bella è quella di avere a disposizione un bus che collega i principali villaggi delle Langhe, così puoi visitarle in tutta comodità e risalire sul bus quando ti va poiché gira continuamente. Il costo è di soli 10 euro e se siete in 3 il prezzo di un biglietto è omaggio. Con questo tour si raggiungono le principali città delle Langhe fra le colline ed i vigneti dichiarati dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.
Il bus parte da Alba, ma lo puoi prendere ad ogni fermata prevista acquistando il biglietto direttamente dall’autista. Il bus gira le domeniche ed i giorni di festa dal 22 aprile al 24 giugno e dal 2 settembre al 4 novembre e puoi salire e scendere tutte le volte che desideri.
È anche molto conveniente, in quanto non avrai problemi di trovare parcheggio e pagare la relativa sosta nei vari paesi che andrai a visitare. Per tutte le informazioni, anche perché l’operatività varia di anno in anno, consultate: www.buscompany.it/langhe-sighseeing-tour

Adesso parliamo del vino e delle differenze fra Barolo e Barbaresco, anche se nascono dal nebbiolo in purezza. Il Nebbiolo è un vino particolare ed estremamente connesso a questi territori in cui riesce ad esprimere al meglio tutte le sue potenzialità seppur in modi diversi a seconda delle aree, mentre da altre parti non dà grossi risultati (ad eccezione della Valtellina).
BAROLO
Zone di produzione: Barolo, Castiglione Falletto, Serralunga d’Alba, La Morra, Novello, Monforte d’Alba, Verduno, Grinzane Cavour, Diano d’Alba, Roddi e parte di Cherasco.Invecchiamento minimo da Disciplinare: 38 mesi dal 1° Novembre dell’anno della vendemmia, 18 dei quali in botte. Il termine “Riserva” può essere usato quando il vino ha subito un affinamento di 62 mesi, calcolati ancora dal 1° Novembre dell’anno della vendemmia. Il Barolo conta delle sottozone seguendo il concetto dei cru francesi ed il suo nome incute rispetto visto che è anche chiamato “il vino dei Re, il Re dei vini”. Si accompagna bene a carni rosse succose e con salse, Bagna Càôda, selvaggina, formaggi stagionati come il Castelmagno ed ovviamente il classico “Brasato al Barolo”.
BARBARESCO
Al palato è armonioso ed elegante, sentiamo ben presente la sensazione dei tannini tipica del nebbiolo, ma in forma più elegante e delicata. Il Barbaresco è definito come un vino più femminile per la sua finezza, che non significa che sia un vino leggero, ma solamente che gli aromi sono più eleganti ed i tannini meno impetuosi, ma rimane un vino ricco e strutturato.

Due modi di interpretare il vino:
Negli ultimi anni, stiamo assistendo ad uno scontro fra tradizionalisti ed innovatori. La tradizione vuole vini più corposi e tannici, che necessitano di un lungo invecchiamento in botti grandi per domare il loro carattere irruento. Gli innovatori invece prediligono l’utilizzo della barrique e vini più morbidi e più addomesticabili in tempi non così lunghi.

Una menzione speciale per un altro vino interessante: la Barbera. Un vino piacevole, fruttato e speziato con tannini presenti ma non aggressivi ed una buona acidità. Si esprime con sentori di piccoli frutti di bosco quando è giovane, aromi speziati e più complessi con l’affinamento. Un tempo era considerato solo come un vino da tutti i giorni, senza particolari pregi. Ora sta raggiungendo ottimi livelli grazie al lavoro di molti produttori che hanno puntato su questo vitigno. Si sposa molto bene con il vitello tonnato, affettati strutturati, “Tartare di fassona” e, quelli di maggiore affinamento, anche con selvaggina.

Insomma, un luogo da considerare per i tuoi prossimi viaggi, specialmente poco prima o durante la vendemmia grazie alle molte manifestazioni organizzate in questo periodo.

ENGLISH VERSION

Today we are talking about one of the most famous and important wines that represent the excellence of Italian viticulture: Barolo and the Langhe Roero.
Langhe and Roero can offer you a journey to discover the culture and tradition of wine, because here wine means life, passion and history of a territory which has wine-making excellence as a main goal.

Discover the personality of Barbera and the magnificence of Barolo and Barbaresco.
Many wineries can guide you to discover the various crus, sell wines and give you precious advises to help you in this journey.
You will discover ancient villages with their majestic castles watch over the vineyards of this gentle hills.

This slideshow requires JavaScript.

Trekking, cycling trips, hiking for more than 100 km. through the vineyards.
A very interesting thing: there is a bus called “Langhe and Roero bus tour” with round-trip rides that connects the main villages of the Langhe, so you can visit them independently, admire the views during the journey and get off at any stop and then hope on again anywhere and continue the trip.
The cost is 10 euros daily and if you buy 3 tickets you pay only for 2.
With this tour you can reach the main towns of the Langhe among the hills and vineyards declared Unesco world Heritage site.
The bus leaves from Alba, but you can take the bus at any stop. The ticket can be purchased directly on the bus. The bus runs on Sundays and public holidays from 22 April till 24 June and from 02 September till 04 November.You can get on and off as many you want at any stop.
It is also very convenient because you do not have problems finding parking in these small villages. visit buscompany.it 

This slideshow requires JavaScript.

 

LET’S TALK ABOUT WINE and the difference between Barolo and Barbaresco.
Same Grape Nebbiolo 100%
Nebbiolo is a particular vine and extremely linked to this land and also because of this out of Piedmont and Lombardy did not give great results.
Nebbiolo has endless expressions according to the village of origin, a grape that combines with the characteristics of the soil.

BAROLO
Production zones: Barolo, Castiglione Falletto, Serralunga d’Alba, La Morra, Novello, Monforte d’Alba, Verduno, Grinzane Cavour, Diano d’Alba, Roddi and part of Cherasco.
Minimum legal ageing: 38 months from the 1st of November of the year of the harvest, 18 of which in woody barrels.
The term “Riserva” can be used when the wine has been cellared for 62 months, calculate once again from the 1st of November of the year of the harvest.
This zone has Crus (little part of a vineyard, the best of a vineyard) just like in France.
Barolo, already the name inspires respect. It is called the wine of kings, the king of wines.
It matches with red meat with sauces, Bagna Càôda, game, aged cheeses like Castelmagno and the classic “Brasato al Barolo”(braised meat with Barolo)

BARBARESCO
Production zones: Barbaresco, Neive, Treiso and some vineyards in Alba.
Minimum legal ageing: 26months from the 1st of November of the year of the harvest.
The term “Riserva” can be used when the wine has been cellared for 50 months
It matches with long cooking red meat, aged cheeses and truffle.

SO WHAT ARE THE DIFFERENCE BETWEEN BAROLO AND BARBARESCO, SAME GRAPE, SAME TERRITORY?
Despite the common matrix, sons of the same grape, they express marked differences in structure and colour.
The first difference is the minimum ageing.
BAROLO: austere wine, strawberries, red cherries, white pepper, tobacco, leather. It is defined as a male wine due to its robust structure and the power of rough and decisive tannins. Rough tannins that become softer ageing.
BARBARESCO: on the palate is harmonious and elegant. Also here we feel the rough sensation of the tannin typical of Nebbiolo, but more elegant and delicate.
Barbaresco is defined as a feminine wine for its elegance and finesse, which does not mean that it is a light wine, but only that the aromas are more elegant and the tannin is less impetuous.But it still rich and structured.

Two styles of winemaking this wines:
TRADITION,  with more FULL-BODIED and tannic wine to be aged for a long time in large barrels, allowing the slow passage of time to sharpen all its characteristics.
INNOVATION: small barrels for a softer and gentler wine ready in shorter times.

A special mention to another interesting wine: BARBERA, a pleasant, fruity and spicy wine with firm but not aggressive tannins and a good acidity.
Typical fruity scents of small red and black fruit when young. Spicy and more complex with aging.
It was once considered a popular simply wine, without too many claims. Now it is reaching high levels.
It matches with typical “Vitello Tonnato”, cold cuts like salami and if more full-body with truffle, game and “Tartare di Fassona”.
A Place to be considered for your next trips expecially  just before and during the harvest due to a lot of wine festivals.

 

VERNACCIA DI SERRAPETRONA MARCHE

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!

La Vernaccia di Serrapetrona è un vino delle Marche e previsto dalla Docg corrispondente, nelle versioni di spumante secco e dolce. Si produce in soli 45 ettari localizzati nei comuni di Serrapetrona, Belforte del Chienti e San Severino Marche, in un’area interna a circa 60 km dal mare, con montagne e colline. L’omonimo vitigno autoctono può essere usato in purezza o con un’aggiunta di altre uve a bacca nera per un massimo del 15%, tutte provenienti dalla provincia di Macerata. Lo spumante ottenuto è di un intenso colore rosso rubino, spesso dotato di un’unghia violacea ed al naso si caratterizza per dei chiari aromi di frutti di bosco, fiori rossi appassiti e spezie. Il suo gusto è più o meno dolce (in base alle versioni), sapido, caldo ed abbastanza equilibrato. I tannini sono vellutati e puliscono la bocca, con una piacevole sensazione amarognola che accompagna il finale al palato. Offre una inusuale fragranza ed armonia che raramente si trova negli spumanti rossi. La particolarità di questi vini sono le 3 fermentazioni:

  • I grappoli raccolti vengono pressati e si avvia la prima fermentazione
  • Parte dei migliori grappoli vengono tuttavia conservati e lasciati appassire fino a gennaio, quando vengono pressati ed il mosto ricchissimo di zuccheri viene aggiunto al vino già fermentato ottenuto in precedenza, per almeno il 40% del totale. È così che avviene la seconda fermentazione, che arricchisce la Vernaccia di ulteriori e particolari aromi e struttura.
  • Dopo circa 2 mesi il vino ottenuto dalla seconda fermentazione è posto in autoclave e la terza fermentazione parte con la presa di spuma. In base al residuo zuccherino si otterrà un vino più o meno dolce.

Sebbene sia uno spumante, si preferisce servire la Vernaccia di Serrapetrona in bicchieri più ampi, per esaltare gli ottimi aromi fruttati e floreali. La temperatura di servizio non è freddissima, per evitare di esaltare la componente tannica, così normalmente si serve attorno ai 12°.

ENGLISH VERSION

Vernaccia di Serrapetrona, a red wine with Controlled Denomination of Origin, sparkling with Charmat method or classic champenois is produced on just 45 hectares included in the municipalities of Serrapetrona, Belforte del Chienti and San Severino Marche, an internal area that is about 60 km from the sea, with mountains and hills.

Read More

Un posto che non ti aspetti / A place you don’t expect

ENGLISH VERSION AND PHOTOS BELOW!

Flaibano è un piccolo villaggio sperduto nella campagna friulana, a circa 30 km da Udine. In una strada deserta, una elegante insegna luminosa ci ricorda che il “Ristorante Grani di Pepe” è pronto come al solito ad accoglierci.
Una volta entrati, immediatamente senti che sei in un posto fuori dall’ordinario solo guardandoti attorno… Il ristorante è costituito da diverse stanze, più o meno adatte a tavolate numerose oppure a coppie in cerca di intimità. Ad ogni modo, dato che non sono un interior designer , preferisco postare delle foto che ho fatto nel corso della nostra ultima cena, penso che rendano meglio l’idea di una approssimativa e noiosa descrizione.
Il secondo aspetto che rende unico “Grani di Pepe” è assolutamente la carta dei vini. Il titolare è un sincero appassionato di vini francesi e molto spesso si reca in Francia per trovare i vini più interessanti anche e soprattutto dai piccoli produttori. Lasciatevi guidare da lui per percorrere una fantastica esperienza fra i vini delle zone più importanti di Francia, ogni volta ci lasciamo consigliare e non ce ne siamo mai pentiti!
Ed a proposito del cibo? Segue semplicemente lo stile e la personalità dei gestori che noti già dall’interior design e dalla carta dei vini: fuori dall’ordinario. Puoi mangiare sia carne che pesce, rivisitati dalla Chef Marta e che abbiamo sempre apprezzato.
Raccomandiamo assolutamente una visita, se state cercando un’esperienza diversa; c’è anche la possibilità di passare la notte in una delle loro eleganti camere (guarda nel loro sito o su Booking), abbastanza lontano da Udine per essere fuori dalla città ma abbastanza vicino per essere nuovamente in centro.

ENGLISH VERSION

Flaibano is a tiny village in the middle of nowhere, about 30 km from Udine.
In a deserted street, a fancy light sign remind us that there is a restaurant ready to welcome us, as always: “Grani di Pepe”.
Once inside, you immediately feel that you are going to live a unique experience, just looking all around you…
The restaurant features of different rooms, more or less designed to be suited for many people or for romantic dinners. Anyway, since I’m not an interior designer, I prefer to post some photos I took in our past dinners just to give you an idea.

This slideshow requires JavaScript.

The second point that makes unique “Grani di Pepe” is definitely the wine list. The owner is a true passionate about French wines and he did many trips in order to choose the most interesting wines also from small producers. Let him guide you in a fantastic experience between the most important French wine regions, we are always pleased to follow his advices and he never failed!

This slideshow requires JavaScript.

And about the food??? It simply follows the guiding principle you already appreciated in the interior design and in the wine list: not ordinary. You can taste both fish or meat, originally revisited by the chef and it never let us down.

This slideshow requires JavaScript.

I recommend a visit here if you’re looking for a different experience, possibly also spending the night in one of their fancy rooms (look at their website or Booking), enough far from Udine for being out from the city but close enough to be back soon on it.

 

Tignanello 2001 by Tenuta Antinori

ENGLISH VERSION BELOW!

TIGNANELLO 2007 TENUTA ANTINORI
Sangiovese 85% – Cabernet Sauvignon 10% – Cabernet Franc 5%
Il colore è rosso rubino profondo, con unghia granata.
Colore che sembra quasi quello di un succo di mirtilli (quando trovo questo colore in un vino, sono sicura che sarà fantastico all’assaggio).
Al naso amarene, cioccolato, pepe nero, violette, fragoline di bosco, crostata, legno di cedro. Se hai la pazienza di aspettare, svelerà infiniti aromi.
In bocca questo vino ti abbraccerà con un generoso alcol e tannini arrotondati in un lunghissimo finale. Presenta ancora un’ottima acidità, segno che avrebbe ancora molta strada davanti a sé.

Abbinamento: bistecca alla fiorentina, formaggi stagionati,

ENGLISH VERSION

TIGNANELLO 2007 TENUTA ANTINORI 

Sangiovese 85% – Cabernet sauvignon 10% – Cabernet franc 5%

The colour is a deep ruby red – the rim takes on a a garnet hue.
Almost chalky that looks like a blueberry juice (when I find this colour in a wine, I am sure it will be a fantastic taste).
On the nose sour cherries, chocolate, pepper, violets, wild strawberries, jam tart, cedar wood. If you have the patience to wait you will discover infinite aromas.
In the mouth this wine will hug you with its generous alcohol and rounded tannins and a very long finish.
The wine still has a great acidity, that means it has a long way to go.

Food pairing: Bistecca alla Fiorentina, aged cheeses, meat stew.

 

Alois Lageder – Cabernet Riserva 2008

ENGLISH VERSION BELOW!

Alla vista si presenta limpido, rosso granato e di media intensità.
Al naso: frutti a bacca rossa, mentolato (balsamico), delicatamente erbaceo.
Il vino in bocca entra secco, di buon corpo, generoso alcol con tannini setosi, molto ben bilanciato e con lungo finale.
Abbinamento: filetto con funghi porcini.

ENGLISH VERSION

ALOIS LAGEDER – CABERNET RISERVA 2008 – SOUTH TYROL (ALTO ADIGE)

The wine is clear, garnet red and medium intensity

On the nose: red berries, menthol (balsamic), slightly herbaceous

The wine is dry, full-body, generous alcohol with silky tannins, very good balanced and long finish.

Food pairing: fillet with porcini mushrooms.